Dott. Aggugini | Cosa sono le faccette dentali estetiche?
15534
post-template-default,single,single-post,postid-15534,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.8,wpb-js-composer js-comp-ver-4.8.1,vc_responsive
 

Cosa sono le faccette dentali estetiche?

22 Sep Cosa sono le faccette dentali estetiche?

Le faccette dentali estetiche sono degli involucri in ceramica che, applicati sulla superficie esterna del dente, migliorano l’aspetto estetico del proprio sorriso nascondendo i vari difetti legati ad esempio alla forma, al colore o anche alla posizione dei denti. Possiamo dire che le faccette sono considerate come delle protesi particolari: in pratica sono delle placchette sottili, realizzate in ceramica o in porcellana, che vengono cementate sulla superficie dei denti che presentano delle imperfezioni. Le faccette dentali vengono incollate sopra uno o più denti per migliorare l’aspetto del sorriso di una persona. Dietro a queste protesi però, ci sono anni di studi e ricerche effettuate in questo settore: grazie a questi restauri, ogni persona può avere una dentatura splendente, bianca e senza imperfezioni.

Quando si può ricorrere a questo tipo di trattamento?

Le faccette estetiche vengono utilizzate per coprire tutti le imperfezioni presenti sui nostri denti e ottenere così un sorriso smagliante. L’applicazione delle faccette è consigliata anche per correggere diverse funzioni dentali compromesse da difetti congeniti. L’inserimento di queste lamine può portare diversi benefici sulla propria dentatura quali:

– Sbiancamento dei denti: le macchie verranno mascherate dalla coperture delle lamine in ceramica;

– Rendere i propri denti splendenti per un lungo periodo

– Migliorare alcune funzionalità come ad esempio la masticazione (nel caso in cui sia presente un dente storto);

– Possibilità di allungare uno o più denti che nel corso degli anni si consumano a causa dell’età o del bruxismo;

– “Aggiustare” un dente scheggiato;

– Donare allo smalto dei denti la lucidità che ha perso nel corso degli anni a causa di cibo, del fumo e di bevande (come ad esempio il caffè).

 

Oltre ai benefici appena visti, le faccette dentali possono aiutare a migliorare il proprio sorriso nel caso in cui il paziente abbia una dentatura con diversi problemi come ad esempio:

– Discromie, ovvero delle macchie permanenti che non possono essere eliminate con lo sbiancamento professionale;

– Diastemi, dove vengono applicate delle faccette più grandi per riempire gli spazie vuoi tra i denti

– Anomalie legate alla forma del dente o comunque dove è necessario cambiare completamente la forma di un dente

– Difetti sullo smalto,

– Denti disallineati che possono essere corretti con le faccette, senza dover necessariamente ricorrere all’apparecchio per denti.

Quindi, l’applicazione delle faccette dentali è adeguata in tutti quei casi dove l’utilizzo di un apparecchio ortodontico, una pulizia dei denti o uno sbiancamento professionale sono inappropriati o comunque non sufficienti per ottenere dei buoni risultati.

Tipologia di faccette estetiche

Devi sapere che le faccette dentali non sono sempre uguali: in genere, troviamo faccette di diverso spessore e materiale, in base al tipo di risultato che si vuole ottenere e al tipo di problema da risolvere. Solitamente, lo spessore di una singola faccetta va dai 0.3 mm fino a 0.7 mm, e la dimensione deve corrispondere esattamente a quella del dente su cui verrà applicata la veneer. Come ogni cosa realizzata in ceramica o in porcellana, anche queste lamine sono altamente fragili e quindi bisogna prestare molta attenzione durante la fase di prova e di “installazione” sul dente. Sulla scelta del materiale, bisogna considerare le richieste di ogni singolo paziente e, in base ai risultati che vuole ottenere, il dottore opterà per quello più adatto alle sue esigenze, ma, in linea generale, quelle che garantiscono una migliore restistenza e lucentezza sono le lamine realizzate in ceramica e porcellana (e sono anche le più utilizzate). Oggi possiamo anche trovare faccette costruite con altri materiali come ad esempio ilcomposito, materiale utilizzato per le otturazioni, ma queste tendono a scheggiarsi e a macchiarsi molto più velocemente (hanno quindi una “durata” limitata) rispetto a quelle in ceramica e porcellana. In questo caso però, si può effettuare il ripristino estetico di una faccetta in una singola seduta, con dei costi relativamente più bassi e ottenere un risultato istantaneo.